I self test a cassetta e i self test dipstick sono due tipologie di test diagnostici utilizzati per identificare eventuali patologie o disturbi a livello medico. Questi test sono semplici da eseguire e molto convenienti, in quanto possono essere effettuati comodamente a casa propria, senza la necessità di recarsi in ospedale o in laboratorio.

Ma come funzionano esattamente i self test a cassetta e i self test dipstick? E quali sono le principali differenze tra i due tipi di test?

Self test a cassetta

Il self test a cassetta è un test diagnostico che utilizza una piccola cassetta in cui viene inserito un campione biologico, come l'urina o il sangue. La cassetta contiene una serie di reagenti che reagiscono con il campione biologico e producono un cambiamento di colore o un'altro tipo di indicazione visiva che indica la presenza o l'assenza di un determinato elemento o patologia.

I self test a cassetta possono essere utilizzati per identificare una vasta gamma di patologie, tra cui malattie cardiache, malattie renali, malattie epatiche, infezioni urinarie, malattie sessualmente trasmissibili e molto altro ancora.

Self test dipstick

Il self test dipstick è un altro tipo di test diagnostico che utilizza un piccolo dispositivo a forma di bastoncino, noto anche come "striscia reattiva" o "dipstick". Questo dispositivo viene immerso in un campione biologico, come l'urina o il sangue, e produce un cambiamento di colore o un'altro tipo di indicazione visiva che indica la presenza o l'assenza di un determinato elemento o patologia.